Menu
Il cellulare di carta da usare e riciclare

Il cellulare di carta da usare e ri…

Il cellulare di carta da ...

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portat...

La bici elettrica che si ricarica pedalando

La bici elettrica che si ricarica p…

La bici elettrica che si ...

Il kit per produrre biocarburante dall'olio di frittura

Il kit per produrre biocarburante d…

Il kit che produce biocar...

La pentola da cucina che produce energia

La pentola da cucina che produce en…

La pentola da cucina che ...

La macchina da caffe senza elettricità

La macchina da caffe senza elettric…

La macchina da caffè espr...

La vernice che mangia lo smog

La vernice che mangia lo smog

È nata la vernice che man...

Zero carbon house la casa che produce energia e cibo

Zero carbon house la casa che produ…

Una casa ecologica, effic...

Le sette regole per costruire una casa ecologica

Le sette regole per costruire una c…

L’urbanizzazione sfrenata...

Autocertificazione energetica in classe g servira' uno specialista

Autocertificazione energetica in cl…

Stop all’auto certificazi...

Prev Next

Il tuo Spazio Qui

  • Vincenzo Carcione

  • Lumarò Milazzo

  • Radio Splash

  • Capitano Nemo

  • Spazio Libero

  • Spazio Libero

Tutte le strade portano...

  • Scritto da 
Tutte le strade portano...

Si parte con quel desiderio innato di spingere sempre più forteeee , ( forse) però capita sempre che il desiderio rimane e di spingere più forte non se ne parla completamente. Inizio a velocità lenta ma non troppo di queste due escursioni diciamo uscite in Bike raggruppate in un unico file con i soliti compagni d'avventura naturalmente come da foto vedete che i compagni variano a seconda degli impegni quindi spesso ci stanno delle new entry e alcune volte clamorose assenze queste riguardano i nostri Capitani si loro i Capitani che spesso organizzano e dopo danno buca ma ormai si e abituati a tutto ciò. Continuo da queste giornate diciamo un weekend all'insegna della Cioccolata (Fango?),solito appuntamento al semaforo di Scala Torregrotta dove ci si dà appuntamento per le partenze inaspettate verso i luoghi inpensati dove mai e poi mai ci si potrebbe avventurare con mezzi normali ,ma le nostre Bike sono pronte per qualsiasi avventura.Siamo al Sabato inizio del weekend destinazione Forte Campone ci si va con le bici giorno commemorativo dei Defunti Forte Campone per i meno informati ha purtroppo oltre alla sua storia secolare anche un brutto episodio dei delitti di mafia più eclatanti della brutalità umana omicidio di Graziella Campagna.

(http://it.wikipedia.org/wiki/Graziella_Campagna)

Forte “Campone” è tra le fortificazioni più elevate, insieme al Puntal Ferraro, presenti nell’area dello stretto. Orientata sul versante tirrenico, la struttura sorge a circa 500m sopra il livello del mare, immersa nell’area boschiva dei monti Peloritani, fra Musolino e il paesino collinare di Calvaruso, sopra Villafranca Tirrena. La struttura si presenta in ottime condizioni. I livelli della fortificazione sono due, entrambi collegati da un’unica rampa posta a sinistra, mentre il terrapieno di combattimento è munito di quattro riservette di munizioni e sei piazzole per cannoni, più altri due laterali che aumentavano il settore di tiro. Le piazzole sono raggiungibili tramite tre piccole rampe. Nonostante le dimensioni compatte, quest’opera, armata di soli cannoni, era tra le più dotate dal punto di vista delle artiglierie, pari solo alle opere di dimensioni maggiori. Munita ancora di caponiera e del fossato di gola, la struttura è oggi attrezzata e utilizzata per ospitare escursionisti e visitatori che desiderano intraprendere percorsi naturalistici e itinerari turistici alternativi, a contatto con la natura. Seppur a pochi chilometri dai centri abitati, sia per la vegetazione rigogliosa, sia per l’aria salubre e incontaminata, questo è uno dei luoghi più suggestivi ed ospitali, della città di Messina e della vicina provincia, dove poter trascorrere piacevoli e serene giornate all’aria aperta, immersi nella tranquillità della natura. Senza tralasciare il fascino delle bellezze paesaggistiche, che fanno da cornice all’ambiente circostante, che sono a dir poco incantevoli.

Fonte www.trappersociale.it

Dopo la parentesi un pò triste si ritorna a pedalare,ma era un desiderio di tutti noi biker portare simbolicamente un saluto ad una persona alla quale venne rubata la Vita.

Si scende da Forte Campone ed una foratura rallenta il gruppo, si va alla volta delle quattro strade incrocio storico dei Monti Peloritani per scendere sul torrente Gallo da li si raggiunge la statale 113 Villafranca Tirrena per proseguire verso torregrotta Semaforo ....Dove ci si potrebbe coricare con dei sacchi a pelo perchè l'indomani mattina
Domenica si parte alla volta di un paesino famoso per i fuochi d'artificio di fine Agosto per i festeggiamenti del Santo Patrono S.Nicola Gualtieri Sicaminò ,Soccorso, si sale sulle montagne di Santa Lucia del Mela per si passa per le famore Cascate Cataolo per arrivare alla frazione Sicaminò del Duca Avarna.

Il Duca Carlo Avarna di Gualtieri (Palermo, 1757 – Napoli, 18 maggio 1836) è stato un politico italiano, primo ministro del Regno delle Due Sicilie.
Biografia
Apparteneva a una antica famiglia aristocratica siciliana; era infatti marchese di Castania, duca di Gualtieri e barone di Sicaminò Grappida.
Funzionario del Regno di Sicilia durante la permanenza a Palermo di Ferdinando III di Sicilia, il quale si era rifugiato nell'isola dopo aver perso in età napoleonica la parte continentale del regno, Carlo Avarna divenne ministro della Regia Azienda di Messina (26 ottobre 1800) e poi conservatore generale del Real Patrimonio (4 luglio 1810). Nel 1812, quando su pressione dell'ambasciatore inglese Bentinck in Sicilia fu promulgata una costituzione che, sul modello inglese, rafforzava i privilegi dei nobili contro quelli regi, Avarna prese le parti del re contro l'aristocrazia siciliana, attirandosene in tal modo l'odio. Lo giudica infatti così Niccolò Palmieri, uno dei più convinti sostenitori dell'autonomia siciliana e della Costituzione siciliana del 1812[1]:
« Carlo Avarna, duca di Gualtieri, era ministro dell'interno. Nella carriera delle magistrature che avea percorso, avea contato sempre per un uomo retto, ma povero d'ingegno, ed incapace di veder chiaro e determinare con espeditezza i privati affari de' cittadini ; molto meno era capace negli affari di Stato. Persuaso che l'autorità de' re è illimitata quanto quella di Dio; colla stessa franchezza con cui ai tempi di Diocleziano si andava incontro al martirio per meritar la grazia divina, egli si tirava addosso la pubblica indignazione per meritar la grazia del re. »
(Niccolò Palmieri, Saggio storico e politico sulla Costituzione del Regno di Sicilia, 1847, p. 254)
Avarna si tenne lontano dalla vita politica durante il governo, imposto da Bentinck, capeggiato dal principe di Belmonte. Tuttavia, nel febbraio 1813, caduto il governo Belmonte e ritornato al potere re Ferdinando, che aveva nominato vicario il figlio Francesco, Carlo Avarna fu nominato ministro dell'Interno, rimanendo in carica fino al 1815. Fu inoltre il primo a reggere il Ministero per gli Affari di Sicilia nel Regno delle Due Sicilie (1820). Nel 1831 divenne presidente del Consiglio del Regno delle Due Sicilie, succedendo a Donato Tommasi[2]. Mantenne la carica fino alla sua morte, dopo la quale venne nominato presidente del consiglio ad interim Girolamo Ruffo[3]
Onorificenze
Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro
Fonte Wikipedia

da li si percorre una discesa dove la prima parte e poco tecnica mentre la seconda arrivati al torrente ci si deve preparare alle insidie del fango si ritorna cosi nel paesino di Gualtieri Sicaminò per chiudere l'anello foto infangati ma soddisfatti per un altro weekend all'insegna del sano divertimenti insieme alla propia Bike .

Appuntamento al prossimo giro

Domenico tdmax Trovatello

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

ULTIMI ARTISTI SU VERDE OGGI

  • Lumarò Resort
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Ceramiche Maurizio Romano
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Capitano Nemo
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Vino Mamertino Vasari
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Maya Natura
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Gust0vale
    Lumarò Milazzo

     
     

INFORMARSI

PROGETTO ORTO

SPORT

MUSICA

LA MIA ARTE

ATTIVITA'