Menu
Il cellulare di carta da usare e riciclare

Il cellulare di carta da usare e ri…

Il cellulare di carta da ...

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portat...

La bici elettrica che si ricarica pedalando

La bici elettrica che si ricarica p…

La bici elettrica che si ...

Il kit per produrre biocarburante dall'olio di frittura

Il kit per produrre biocarburante d…

Il kit che produce biocar...

La pentola da cucina che produce energia

La pentola da cucina che produce en…

La pentola da cucina che ...

La macchina da caffe senza elettricità

La macchina da caffe senza elettric…

La macchina da caffè espr...

La vernice che mangia lo smog

La vernice che mangia lo smog

È nata la vernice che man...

Zero carbon house la casa che produce energia e cibo

Zero carbon house la casa che produ…

Una casa ecologica, effic...

Le sette regole per costruire una casa ecologica

Le sette regole per costruire una c…

L’urbanizzazione sfrenata...

Autocertificazione energetica in classe g servira' uno specialista

Autocertificazione energetica in cl…

Stop all’auto certificazi...

Prev Next

Il tuo Spazio Qui

  • Vincenzo Carcione

  • Lumarò Milazzo

  • Radio Splash

  • Capitano Nemo

  • Spazio Libero

  • Spazio Libero

La pianta spaccapietre In evidenza

  • Scritto da 
La pianta spaccapietre La pianta spaccapietre

 

Sempre più spesso avvengono casi di coliche o calcoli renali, problema doloroso e fastidioso anche da curare. Quando i calcoli sono di una certa grandezza si i

 

nterviene esportando le pietre chirurgicamente. Ma esistono alcune piante antichissime utilizzate da più di 2000 anni, piante che riescono ad eliminare i calcoli con pochissimi effetti collaterali, quasi nulli, volgarmente viene chiamata la "pianta spaccapietre". Ne esistono diversi tipi, come il Fillanto (phyllanthus niruri) oppure la Cedracca (Ceterach officinarum), l'erba ruggine.

Queste

piante hanno la capacità di disciogliere i sali alcalini di cui ne son fatti i calcoli, riuscendo così ad eliminarli dopo un periodo di cura.

 

Rilassano la muscolatura liscia, hanno proprietà disinfettanti e diuretiche, ottima sia per prevenire che curare problemi di vario genere all'apparato urinario. Stiamo attenti comunque a non abusarne, seguendo sempre i consigli dati dal medico e dall'erborista.

Secondo degli studi scientifici, sembra che l'estratto di queste piante possano debellare l'epatite B (in particolar modo la phyllanthus niruri), facendo scomparire i marker serici, con la successiva guarigione del paziente.

Inoltre accresce la secrezione di acidi biliari e riduce il colesterolo totale e i trigliceridi, ha proprietà ipoglicemizzanti, cioè riduce il tasso di glicemia nel sangue.

Sono piante che crescono sulle pareti rocciose, in zone calde o tropicali. Per usufruire delle loro proprietà, si preparano delle tisane da ingerire 2-3 volte al giorno, a seconda delle condizioni. E' facile trovare la droga di queste piante in erboristeria, in stato puro o miscelate con altre varietà. Come abbiamo detto precedentemente, è sempre meglio chiedere consiglio al medico/erborista sia per l'uso che per le quantità da assumere.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

ULTIMI ARTISTI SU VERDE OGGI

  • Lumarò Resort
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Ceramiche Maurizio Romano
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Capitano Nemo
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Vino Mamertino Vasari
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Maya Natura
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Gust0vale
    Lumarò Milazzo

     
     

INFORMARSI

PROGETTO ORTO

SPORT

MUSICA

LA MIA ARTE

ATTIVITA'