Menu
Il cellulare di carta da usare e riciclare

Il cellulare di carta da usare e ri…

Il cellulare di carta da ...

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portat...

La bici elettrica che si ricarica pedalando

La bici elettrica che si ricarica p…

La bici elettrica che si ...

Il kit per produrre biocarburante dall'olio di frittura

Il kit per produrre biocarburante d…

Il kit che produce biocar...

La pentola da cucina che produce energia

La pentola da cucina che produce en…

La pentola da cucina che ...

La macchina da caffe senza elettricità

La macchina da caffe senza elettric…

La macchina da caffè espr...

La vernice che mangia lo smog

La vernice che mangia lo smog

È nata la vernice che man...

Zero carbon house la casa che produce energia e cibo

Zero carbon house la casa che produ…

Una casa ecologica, effic...

Le sette regole per costruire una casa ecologica

Le sette regole per costruire una c…

L’urbanizzazione sfrenata...

Autocertificazione energetica in classe g servira' uno specialista

Autocertificazione energetica in cl…

Stop all’auto certificazi...

Prev Next

Il tuo Spazio Qui

  • Vincenzo Carcione

  • Lumarò Milazzo

  • Radio Splash

  • Capitano Nemo

  • Spazio Libero

  • Spazio Libero

Coltivare la lattuga

  • Scritto da 
Coltivare la lattuga


Avete un piccolo appezzamento di terra e vorreste piantarvi qualcosa, ma non essendo pratichi, vorreste cominciare con qualcosa di semplice e veloce, perciò perchè non cominciare con la lattuga?

E' un ortaggio a foglia molto utilizzata in cucina, sia a crudo che a cotto, cresce abbastanza facilmente senza particolari cure, ha solo bisogno di quelle "basi", come acqua e concime nelle giuste dosi.

La lattuga (Lactuca sativa L.) è una pianta angiosperma, dicotiledone appartenente alla famiglia delle Compositae. Nel linguaggio colloquiale italiano essa viene spesso, ed erroneamente, chiamata insalata.

Esistono tante varietà, si distinguono dal colore, lunghezza, rotondezza, sapore più o meno

delicato, rugosità. Ecco un elenco delle più importanti:

ISABEL A CAPPUCCIO, ALEXIS A CAPPUCCIO,  BALLERINA CAPPUCCIO CHIARA, DOLOMITI ROSSA DI TRENTO,  BARBA DEI FRATI VERDE,  BARBA DEI FRATI ROSSA, FUNLY GENTILINA BIONDA,  TEIDE GENTILINA ROSSA, GHIACCIOLINA LATTUGA DEI GHIACCI ORIGINALE, ADELA ICEBERG,  MASAIDA BRASILIANA VERDE, GRAZER BRASILIANA A BORDO ROSSO, CHILIM ROMANA,  FERIA ROMANA A COSTA ROSSA, MANADE CANASTA, MAGENTA SUPERCANASTA, CARIOCA BATAVIA ROSSA,  MOHICAN BATAVIA ROSSA, LOLLO MIX BIONDA E ROSSA, FOGLIA DI QUERCIA MIX BIONDA E ROSSA, ZUCCHERINA CUORE DI LATTUGA, MORTARELLA DI PRIMAVERA O MINI-ROMANA.

 

Come per ogni pianta, dobbiamo decidere se partire da seme o comprare le piantine già belle e fatte. Con le piantine non solo si fa prima ed è più sbrigativo, ma la probabilità che la pianta riesca a sopravvivere è al di sopra del 90%, cosa che non si può dire se vogliamo partire da seme. Se comunque vogliamo fare questa "pazzia", seguite i consigli che vi daremo.

Il periodo di semina va da aprile fino a metà maggio. Di seguito troverete un video illustrativo per poter costruire un ottimo semenzaio: http://www.youtube.com/watch?v=PrDeRlwII0w

Ma per chi non vuole la sfida e complicarsi troppo le cose, vi consigliamo di comprare le piantine, complete di radici e un po’ di terra, le vendono a blocchi in scatole di polistirolo o di plastica. Per uscirle fuori, basta tirarle delicatamente.

Le condizioni ottimali per far crescere delle piantine di lattuga sono le seguenti:

1)      Temperatura ottimale di crescita 15-20°C. Con minima 5°C le piante non crescono. Si adattano comunque a qualunque temperatura.

2)      Dopo una decina di giorni dal trapianto, è necessario apportare del concime a base azotata.

3)      Mantenere costantemente pulite dalle infestanti le zone in prossimità delle piante.

4)      Non eccedere con le dosi d’acqua, innaffiare nelle ore serali quando la temperatura è troppo alta.

5)      Se si vogliono consociare altre colture, utilizzare le seguenti: carciofi, carote, cipolle, pomodori e ravanelli.

6)      Stare attenti alle gelate prolungate

 
La malattia più frequente e problematica della lattuga è la Bremia (peronospora della lattuga), tanto per intenderci quella muffa bianca che si sviluppa sotto le foglie. E' la malattia più pericolosa per questa specie.

Il patogeno si sviluppa meglio con temperature fresche (13-20 °C), e alte umidità (un velo di acqua liquida favorisce fortemente la germinazione dei conidi e l'infezione primaria).

Per non incombere in questo problema, evitate i ristagni idrici prolungati, eseguite concimazioni bilanciate.

Ai primi sintomi, o in presenza delle condizioni climatiche predisponesti la malattia, fare irrorazioni fogliari.

Impiegare prodotti specifici. Per es.: Pyraclostrobin + Dimetomorf (CABRIO DUO) , Ametoctradin + Dimetomorf (ENERVIN DUO), ametoctradin + metiram (ENERVIN TOP), oppure Metalaxil.

 

Video

Altro in questa categoria: « Lo strano albero dell'uva Il mandarino »
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

ULTIMI ARTISTI SU VERDE OGGI

  • Lumarò Resort
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Ceramiche Maurizio Romano
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Capitano Nemo
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Vino Mamertino Vasari
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Maya Natura
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Gust0vale
    Lumarò Milazzo

     
     

INFORMARSI

PROGETTO ORTO

SPORT

MUSICA

LA MIA ARTE

ATTIVITA'