Menu
Il cellulare di carta da usare e riciclare

Il cellulare di carta da usare e ri…

Il cellulare di carta da ...

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portat...

La bici elettrica che si ricarica pedalando

La bici elettrica che si ricarica p…

La bici elettrica che si ...

Il kit per produrre biocarburante dall'olio di frittura

Il kit per produrre biocarburante d…

Il kit che produce biocar...

La pentola da cucina che produce energia

La pentola da cucina che produce en…

La pentola da cucina che ...

La macchina da caffe senza elettricità

La macchina da caffe senza elettric…

La macchina da caffè espr...

La vernice che mangia lo smog

La vernice che mangia lo smog

È nata la vernice che man...

Zero carbon house la casa che produce energia e cibo

Zero carbon house la casa che produ…

Una casa ecologica, effic...

Le sette regole per costruire una casa ecologica

Le sette regole per costruire una c…

L’urbanizzazione sfrenata...

Autocertificazione energetica in classe g servira' uno specialista

Autocertificazione energetica in cl…

Stop all’auto certificazi...

Prev Next

Il tuo Spazio Qui

  • Vincenzo Carcione

  • Lumarò Milazzo

  • Radio Splash

  • Capitano Nemo

  • Spazio Libero

  • Spazio Libero

Barba di Capra

  • Scritto da 
Barba di Capra

Classe : Magnoliopsida

Ordine : Rosales

Famiglia : Rosaceae

(Aruncus dioicus)

Chiamata anche Barba di Giove, Erba canona, Coda di volpe, Asparago di bosco.

Pianta erbacea perenne, solitamente dioica, con un rizoma legnoso dal quale in primavera si sviluppano fusti eretti, poco ramificati, che possono raggiungere anche i 2 metri di altezza. 

La bella e vistosa infiorescenza ha la forma di una pannocchia lunga 20-30 centimetri con numerosissimi minuscoli fiorellini di colore bianco-crema.
Fiorisce da giugno a luglio, vive in boschi umidi e freschi, poco soleggiati, fin verso i 1500 metri di quota. 

Questa pianta era nota col nome di Barba di capra già in tempi antichi, anche il termine scientifico Aruncus (dal greco), significa barba di capra; mentre l'attributo dioico si riferisce al fatto che ci sono piante che portano solo fiori maschili ed altre che portano solo fiori femminili.
In cucina: cogliere i polloni, quando hanno ancora la forma di un asparago. Però, va bene anche se il getto ha già messo le prima foglie. Non raccogliere in modo indisciriminato e non danneggiare l'apparato radicale delle piante. Si cucina come gli asparagi. Condire o accompagnare con il formaggio. Ha un gusto che a non tuti piace. Io lo trovo ottimo!

Nota bene: in alcune Regioni o Provincie potrebbe essere una specie protetta.

Altro in questa categoria: « Crema di carciofi Zuppa parmentier »
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

ULTIMI ARTISTI SU VERDE OGGI

  • Lumarò Resort
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Ceramiche Maurizio Romano
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Capitano Nemo
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Vino Mamertino Vasari
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Maya Natura
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Gust0vale
    Lumarò Milazzo

     
     

INFORMARSI

PROGETTO ORTO

SPORT

MUSICA

LA MIA ARTE

ATTIVITA'