Menu
Il cellulare di carta da usare e riciclare

Il cellulare di carta da usare e ri…

Il cellulare di carta da ...

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portatile

Il fornello solare portat...

La bici elettrica che si ricarica pedalando

La bici elettrica che si ricarica p…

La bici elettrica che si ...

Il kit per produrre biocarburante dall'olio di frittura

Il kit per produrre biocarburante d…

Il kit che produce biocar...

La pentola da cucina che produce energia

La pentola da cucina che produce en…

La pentola da cucina che ...

La macchina da caffe senza elettricità

La macchina da caffe senza elettric…

La macchina da caffè espr...

La vernice che mangia lo smog

La vernice che mangia lo smog

È nata la vernice che man...

Zero carbon house la casa che produce energia e cibo

Zero carbon house la casa che produ…

Una casa ecologica, effic...

Le sette regole per costruire una casa ecologica

Le sette regole per costruire una c…

L’urbanizzazione sfrenata...

Autocertificazione energetica in classe g servira' uno specialista

Autocertificazione energetica in cl…

Stop all’auto certificazi...

Prev Next

Il latte di cocco, le proprietà per la salute e la bellezza e la ricetta per farlo in casa

Il latte di cocco è una miniera di proprietà, è antiossidante grazie alla presenza di selenio e contribuisce a prevenire le infiammazioni articolari; con il fosforo e magnesio ci aiuta a mantenere sane forti le ossa e previene anche l'osteoporosi mentre grazie alla fibre contenute nella polpa del frutto si presta a essere un aiuto per chi desidera perdere peso regalando la sensazione di stomaco pieno a lungo.

Alleato della bellezza, il latte di cocco è un vero toccasana se applicato fresco sulla pelle, la idrata e tonifica, ripara i danni delle rughe e protegge lievemente dai raggi del sole. I grassi saturi che si trovano nel latte di cocco, infine proteggono il sistema cardiovascolare tanto che le persone che nella loro dieta hanno integrato grandi quantità di cocco sono quelle che hanno meno possibilità di avere malattie cardiache. Ottima anche l'acqua di cocco che si trova disponibile immediatamente non appena viene aperto il frutto e che è priva di colesterolo e ha pochissime calorie.

Fin qui le splendide proprietà de latte di cocco, ma attenzione al suo consumo, però perché a meno che non ve lo autoproduciate, va acquistato già pronto e ecco che si presentano almento tre problemi. Il primo riguarda il contenitore in cui viene venduto il latte di cocco e sopratutto nel caso sia una lattina di alluminio rivestita all'interno, potrebbe contenere BPA, il Bisfenolo A intrferente endocrino; la seconda raccomandazione riguarda e presenza della gomma di guar, usata come addensante e che potrebbe dare fastidi a chi è intollerante e la presenza del fruttosio per chi soffre di malassorbimento da fruttosio il che riguarda almeno il 40% della popolazione dei paesi occidentali.

Dunque, prima di acquistare il latte di cocco confezionato è bene legger l'etichetta per scoprire se la lattina è rivestita di pellicola interna, se è presente il guam o fruttosio. Diversamente ci sono prodotti assolutamente naturali in commercio e anche provenienti da coltivazioni biologiche e equo solidali.

Infine ecco la ricetta per fare dell'ottimo latte di cocco in casa con fiocchi di cocco disidratato privo di zucchero o proprio con il frutto fresco.

Ricetta latte di cocco con cocco disidratato 
4 tazze di acqua 
1,5 - 2 tazze di fiocchi di cocco non zuccherato

procedimento: Riscaldare l'acqua fino a renderla molto calda ma non deve bollire. Mettere i fiocchi di cocco in un bicchiere di un capiente frullatore e aggiungere l'acqua calda, lasciare frullare fino a che non si arriva a una soluzione densa e cremosa. Filtrare il latte da un colino a maglie molto strette o attraverso un telo di lino bianco. Bere subito. Si può conservare in frico per 2-3 giorni.

Con il cocco fresco il procedimento è il medesimo.

Fonti: natural cure not medicine, Chris Kresser 
Foto | Flickr

Leggi tutto...

Semi di canapa: integratore alimentare anche per la bellezza in 5 ricette facili

  • Pubblicato in Notizie

I semi di canapa alimentare oramai si trovano anche nei supermercati. Vediamo quali sono le loro proprietà sia per la salute sia per la bellezza e come si assumono correttamente.

I semi di canapa in realtà sono i frutti. Somigliano ai semi di girasole ma non sono croccanti e il sapore ricorda i pinoli, sebbene più dolce e più delicato. Sono una fonte ricca di proteine vegetali e rappresentano un'ottima alternativa alla soia per coloro che sono allergici. Contengono i 10 aminoacidi essenziali e in appena 3 cucchiai di semi di canapa sono contenuti 11 grammi di proteine. Ma le meraviglie dei semi di canapa non finiscono qui: hanno omega- 6 e omega -3 e inoltre l'omega -6 che si rende disponibile è il GLA (acido gamma linolenico) che funge da antinfiammatorio.

I semi di canapa dunque risultano essere un integratore alimentare naturale a base di proteine ??facilmente digeribili, grassi essenziali (omega 3 e 6), acido gamma Linolenico ( GLA ), antiossidanti, aminoacidi, fibre, ferro, zinco, carotene , fosfolipidi , fitosteroli , vitamina B1, vitamina B2, vitamina B6, vitamina D, vitamina E, clorofilla, calcio, magnesio, zolfo , rame, potassio, fosforo e gli enzimi.

Vediamo i benefici alla salute che apportano i semi di canapa: aumentano i livelli di energia e il ritmo metabolico, abbassano i livelli di colesterolo LDL nel sangue, abbassano la pressione sanguigna, migliorano la circolazione e la funzione cardiovascolare, migliorano il sistema immunitario, riducono i sintomi della sindrome premestruale e crampi mestruali, riducono l'infiammazione ed i sintomi dell'artrite, migliorano il recupero dei muscoli dopo l'esercizio fisico, riducono la pelle secca e rende i capelli lucidi e setosi, previene le malattie degenerative. Hanno ottimi effetti su eczema e acne, tracheite, otite e sinusite.

I semi di canapa si possono acquistare facilmente in erboristerie, negozi che vendono prodotti alimentari naturali e anche al supermercato. I semi si possono trovare anche sotto forma di olio di canapa usato per condire a crudo nelle varie pietanze. L'olio di semi di canapa può essere usato con impacchi prima dello shampoo per rinforzare i capelli. Comunque i migliori risultati si hanno attraverso l'alimentazione e possono anche essere assunti nella dose di 1 cucchiaino al giorno.

Ma come si gustano i semi di canapa? Ecco 5 ricette facili.

Foto: Rawtacular su Pinterest

Fonte: Ecoblog

Leggi tutto...

Inquinamento, arrivano i droni anti-smog

  • Pubblicato in Tech

Droni contro l’inquinamento. Mercoledì 20 gennaio, a “Droni e telerilevamento”, nell’ambito della Roma Drone Conference 2015-16 si parlerà dei droni anti-smogpensati per affrontare l’emergenza inquinamento e in grado di sniffare l’aria per monitorare l’eventuale presenza di polveri sottili, fumi pericolosi e altre sostanze inquinanti.

Si tratta di una tecnologia innovativa e “mobile” destinata ad affiancare le normalicentraline urbane “statiche”.

Il quadricottero High One 4HSE Inspector (5,5 kg) della Italdron, i FlyNovex (7 kg),FlyGeo24Mpx (2,6 kg) e FlySmart (1,5 kg) della FlyTop, lo Spark 350 (1,6 kg) della Virtual Robotix Italia e l’Aeromax della MicroGeo sono i principali modelli di droni le cui caratteristiche verranno illustrate in questo appuntamento dedicato all’ambiente.

La conferenza "Droni e telerilevamento" ha ottenuto il patrocinio da parte di Ministero dell'Ambiente, Enac, Ansv, Cira, Enav, Aero Club d'Italia, dei Consigli nazionali degli Ingegneri, Geometri, Architetti e Geologi e di tutte le associazioni del settore droni (UASIT, ASSORPAS, FIAPR, AIDRONI e EDPA).

Fonte: Roma Drone Conference

 

Leggi tutto...

Scoperti tre pianeti "cugini" della Terra

Tre pianeti che potrebbero essere abitabili, descritti come "simili" per dimensioni e temperatura alla Terra, sono stati recentemente scoperti a 39 anni luce dal sistema solare nel quale ci troviamo. La notizia è stata pubblicata da Nature, dove si cita il lavoro dei ricercatori dell'Università di Liegi, che avrebbero individuato nelle vicinanze di una stella nana ultrafredda i tre pianeti simili in dimensioni e temperature alla Terra e a Venere, il secondo pianeta del nostro sistema solare.

Secondo i ricercatori questo tris di pianeti potrebbe essere uno dei luoghi migliori dove cercare la vita extraterrestre perche questi pianeti si trovano ai margini della cosiddetta "fascia di abitabilità", ovvero avrebbero una giusta combinazione di luce e calore dalla stella principale per poter ospitare la vita, anche se in forma elementare. Secondo quanto riporta Repubblica per scoprire i tre pianeti gli astronomi hanno osservato la stella 2MASS J23062928-0502285, grande circa un decimo del Sole e molto più fredda, e hanno monitorato la luce della stella con il TRAnsiting Planets and PlanetesImals Small Telescope (TRAPPIST), un telescopio da 60 cm di diametro installato a 2400 metri di altitudine all'Osservatorio Australe Europeo (ESO), in Cile.

"Questo e il più grande premio possibile per l’astronomia: se venisse dimostrato che pianeti simili alla Terra sono comuni intorno a questo genere di stelle allora i pianeti potenzialmente abitabili potrebbero essere molto più numerosi di quanto ipotizzato finora"

spiegano i ricercatori su Nature.

La stella è stata battezzata Trappist-1 e osservandola per diversi mesi gli astronomi si sono accorti che la sua traccia all'infrarosso diminuiva di intensità ad intervalli regolari, un classico segnale indiretto della presenza di pianeti, non visibili direttamente. Dei tre esopianeti (esterni al sistema solare) i due più vicini a Trappist-1, avevano un’orbita di 1,5 e 2,4 giorni e vengono investiti solo da, rispettivamente, 4 e 2 volte il quantitativo di energia che la Terra riceve dal Sole. Il terzo e più distante ha un orbita tra i 4 ed i 73 giorni.

Fonte: Ecoglog

Leggi tutto...

Vegano certificato, una nuova etichetta a tutela dei consumatori

  • Pubblicato in Notizie

Nello specifico, si attesta che l'alimento non contiene materie prime, ingredienti e coadiuvanti di origine animale e che non è stato esposto a rischi di contaminazione, ossia di passaggio diretto o indiretto di ingredienti indesiderati.

“I vegani oggi rappresentano una fetta importante del mercato alimentare; le aziende che si stanno adoperando con prodotti e linee specifiche per rispondere alla domanda sono molti”,

ha spiegato Francesco Di Sarno, Food&Beverage Manager, Region Southern Europe di DNV GL - Business Assurance.

Fonte: Ecoblog

*La specifica si applica a tutti i prodotti alimentari di origine non animale e contempla le seguenti norme di riferimento: Regolamenti (CE) n. 1829/2003 e 1830/2003 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 settembre 2003; UNI EN ISO 22005:2008; Reg 1169-2011; ISO/IEC 17065; European Vegetarian Union, Settembre 2015.

Leggi tutto...

Cannabis made in Washington, un anno fa la legalizzazione

  • Pubblicato in Notizie

“Quando il mercato si aprirà speriamo di essere autorizzati. Il mercato ricreativo è immenso”, spiega il produttore di cannabis Matt Lawson-Baker. Un anno fa Lawson-Baker ha lanciato la Alternative productions, azienda che può vendere solamente a chi ha la prescrizione medica. L’impresa non è facile visto che molti dottori sono ancora restii a prescrivere la cannabis.

Inoltre, come fa notare un impiegato della Alternative productions, “chiunque può andare in giro con 56 grammi, anche per spacciare, ma un poliziotto non può farci niente”. Urge quindi ricalibrare la produzione con una regolamentazione in grado di mettere fuori gioco il mercato illegale.

Entro la fine dell’anno undici stati dovrebbero pronunciarsi a favore o contro la legalizzazione, sette di questi anche sul consumo a scopo ricreativo. Secondo uno studio il mercato legale di cannabis potrebbe valere 22 miliardi di dollari nel 2020.

Fonte: Askanews 

Leggi tutto...

Bologna, la prima bici che porta Aspasso i disabili

  • Pubblicato in Notizie

Si chiama Aspasso il progetto di noleggio di una bicicletta adatta al trasporto dei disabili che arriva per la prima volta in una grande città, Bologna, dopo essere stata già testata con successo a Senigallia.

Nella parte posteriore è una normale bicicletta, in quella anteriore ha una sorta di pedana che si integra con la sedia a rotelle in modo che il passeggero non sia costretto a scendere dal suo mezzo.

 

Domani, mercoledì 4 maggio, alle ore 18, Aspasso sarà presentata a Dynamo, la prima velostazione d'Italia: fino al prossimo autunno sarà a disposizione (al costo del noleggio di una bici standard presso Dynamo) dei bolognesi e dei turisti che vorranno servirsene.

Unica in Italia, Aspasso ha il pregio di essere molto semplice da usare: in pochi secondi la sedia a rotelle è agganciata in totale sicurezza e, grazie all’innovativo sistema di pedalata assistita e di retromarcia, tutti possono guidare la bicicletta senza sforzo e condurre il disabile a destinazione.

Fonte: Dynamo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

ULTIMI ARTISTI SU VERDE OGGI

  • Lumarò Resort
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Ceramiche Maurizio Romano
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Capitano Nemo
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Vino Mamertino Vasari
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Maya Natura
    Lumarò Milazzo

     
     
  • Gust0vale
    Lumarò Milazzo

     
     

INFORMARSI

PROGETTO ORTO

SPORT

MUSICA

LA MIA ARTE

ATTIVITA'